Recensione Amazon Echo Studio: l’HiFi con Alexa e hub Zigbee

Recensione Amazon Echo Studio: l’HiFi con Alexa e hub Zigbee
8.5 Punteggio medio
  • Suono potente e pulito
  • Supporto Dolby Atmos, Home Theater (solo con Fire TV Stick 4k)
  • Supporto Audio 3D (Dolby Atmos Music e 360 Reality Sound Sony), anche se di dubbia utilità al momento
  • Ottimo rapporto qualità prezzo

In questa recensione ci occupiamo di Amazon Echo Studio, il nuovo speaker con Alexa integrato dedicato agli amanti della musica. Rispetto al resto della linea Echo, infatti, questo altoparlante intelligente cerca di superare i limiti delle versioni precedenti, ponendo enfasi sulla qualità audio. Non solo, l’hub Zigbee integrato lo rende perfetto per la domotica. Uno degli speaker più completi di sempre. 

Caratteristiche

  • Dimensioni: 206 x 175 mm
  • Peso: 3,5Kg
  • Connettività WiFi: Il dispositivo si connette alla rete utilizzando lo standard WiFi 802.11 a/b/g/n/ac da 2,4 e 5 GHz
  • Connettività Zigbee: L’hub domotico integrato è compatibile con i dispositivi Zigbee compatibili (prese, lampadine e interruttori)
  • Connettività Bluetooth 
  • Attrezzatura audio: 3 altoparlanti midrange da 51 mm, un tweeter da 25 mm, un woofer da 133 mm
  • Requisiti: L’app di Alexa è disponibile su Android, iOS e Fire iOS, anche accessibile da browser desktop.
Ritorna al menu ↑

Unboxing

Nella confezione troviamo:

  • 1 Echo Studio
  • Cavo di alimentazione
  • Guida rapida
Ritorna al menu ↑

Recensione Amazon Echo Studio: valutazione

8.5 Punteggio medio
Uno speaker All-in-One ad un prezzo competitivo

Echo Studio ha tutto per essere considerato uno smart speaker completo: Alexa, Zigbee, Home Theater con supporto Dolby Atmos, supporto Audio 3D e una resa sonora sonora eccellente. Perfetto se si desidera uno smart speaker con una spinta in più in termini di qualità audio.

Rapporto qualità/prezzo
8.5
Design
7.5
Qualità Audio
8.5
Funzionalità
8.5
Performance complessiva
8
PRO
  • Suono potente e pulito
  • Supporto Dolby Atmos, Home Theater (solo con Fire TV Stick 4k)
  • Supporto Audio 3D (Dolby Atmos Music e 360 Reality Sound Sony), anche se di dubbia utilità al momento
  • Ottimo rapporto qualità prezzo
CONTRO
  • Leggermente ingombrante rispetto ad altri speaker
  • Bassi profondi ma ci si aspettava un po' di più
Voto utenti: 3.75 (4 votes)
Ritorna al menu ↑

Cos’è Amazon Echo Studio

Amazon Echo Studio è uno degli ultimi smart speaker della linea Echo, controllabile con la voce, che, con un audio Hi-Fi e supporto Dolby Atmos, è ideato per gli audiofili. Dotato di WiFi, Bluetooth e ingresso audio jack, integra l’assistente vocale Alexa e, dunque, tutte le sue funzionalità, oltre che un hub Zigbee che permette di controllare i dispositivi compatibili. 

amazon echo studio

Ritorna al menu ↑

Design e prime impressioni

L’Echo Studio presenta una forma cilindrica molto arrotondata che ricorda un po’ il suo rivale Apple HomePod (non ancora uscito ufficialmente in Italia).

Tuttavia, se comparato a questo o a Sonos One o agli altri speaker della famiglia Echo, ha dimensioni maggiori, con un diametro piuttosto notevole (17,5 cm). Non poteva essere altrimenti, data l’attrezzatura audio integrata al suo interno. Anche il peso, infatti, non è dei più trasportabili (circa 3,5Kg). 

echo studio design

L’estetica è molto piacevole ed in linea con gli altri “fratelli”: minimal e moderna, con copertura in tessuto, capace di integrarsi perfettamente in qualsiasi ambiente, nonostante l’unica colorazione disponibile. I materiali sono di qualità e conferiscono alla cassa un’aria piuttosto premium (anche se non ai livelli di Apple HomePod).

Non passerà inosservato agli ospiti, anche se può risultare un po’ ingombrante (come, d’altronde tutte le casse più performanti). Sicuramente non è da utilzzare sul comodino o in cucina ma si presta più per il soggiorno o spazi ampi.

Come da tradizione Amazon, sulla parte superiore troviamo l’anello di luce LED che si illumina di blu quando chiamiamo l’assistente vocale o di altri colori per i vari feedback (giallo in caso di notifiche, rosso se il microfono è disattivato e così via). Ci sono inoltre gli unici tasti fisici presenti sullo speaker: quello per la modalità muto, quelli per il volume e quello per attivare manualmente (senza la voce) Alexa. 

echo studio funzionalità

Tuttavia, rispetto agli altri modelli, la parte superiore non è completamente coperta e i pulsanti sono presenti su un cerchio situato sul lato esterno e non in posizione centrale. Questo design, come vedremo nelle prossime righe dedicate al comparto audio, è stato progettato per garantire il suono immersivo a 360° e lasciare “spazio” al driver up-firing integrato. 

Sulla parte inferiore, allo stesso modo, troviamo un’apertura orizzontale pensata per massimizzare la performance dei bassi (subito sopra è situato il woofer).

Sul retro, troviamo l’ingresso jack da 3,5mm e cavo ottico mini-Toslink, molto utile se si intede collegare l’altoparlante ad altri impianti (anche se c’è la connettività Bluetooth) o alla TV al posto di una soundbar. Accanto a questo, ci sono la porta per l’alimentazione e una porta micro-USB (in realtà utilizzabile solo per aggiornamenti e per eventuale assistenza tecnica).

amazon echo studio uscita jack

 

Ritorna al menu ↑

Funzionalità 

Amazon Echo Studio permette di usufruire di tutte le funzionalità offerte dall’assistente virtuale Alexa. Oltre ad ascoltare musica, quindi, è possibile chiedere aggiornamenti in tempo reale su notizie, traffico, risultati sportivi, meteo, eseguire ricerche di qualsiasi tipo sul web, settare sveglie e promemoria, gestire i calendari, effettuare chiamate tra diversi Echo e così via.

Basterà chiedere con la propria voce allo speaker ciò di cui abbiamo bisogno. Per maggiori informazioni, leggi la lista delle cose da chiedere ad Alexa e una breve panoramica delle skill in italiano disponibili.

Ritorna al menu ↑

Domotica e Hub Zigbee

Ovviamente, Alexa gioca un ruolo essenziale nel campo della domotica. Infatti, attraverso le cosiddette skill (da attivare nell’app Alexa come fossero vere e proprie app), può controllare diversi prodotti connessi di terzi (purché compatibili).

Lampadine smart, prese intelligenti, termostati WiFi, robot aspirapolvere e così via. 

Una delle caratteristiche distintive di Echo Studio è l’integrazione al suo interno di un hub domotico Zigbee che permette, dunque, di comunicare e controllare dispositivi dotati della stessa tecnologia, senza l’utilizzo di apposito bridge o hub esterni. Per esempio, si potranno gestire le luci smart Philips Hue, senza il bridge Hue. Anche Echo Plus integra hub Zigbee ma presenta un’attrezzatura audio decisamente inferiore.

echo studio zigbee

Ritorna al menu ↑

Audio

Veniamo all’aspetto principale di questo smart speaker: com’è la qualità audio di Echo Studio e la sua attrezzatura? 

Lo smart speaker integra 3 altoparlanti midrange da 51mm, due ai lati (left-firing e right-firing) e uno in posizione centrale rivolto verso l’alto (up-firing), un tweeter da 25mm (forward-firing) e un woofer da 133mm (down-firing).

echo studio qualità audio

La potenza massima in uscita dichiarata è di 330 Watt, anche se ne percepiremo realmente molto meno. Il volume massimo è comunque molto elevato (difficile pensare di tenerlo oltre l’80%, soprattutto se si vive in un appartamento). Anche a volumi alti, il suono non presenta distorsioni. 

La qualità audio, nonostante non si tratti di un impianto stereo, è nel complesso ottima. Bilanciato, pulito e immersivo, con un campo sonoro ampio e buon effetto stereo.

Medi e alti sono piuttosto fedeli nei dettagli, i bassi sono profondi e decisamente presenti, anche se, considerando l’apertura apposita, probabilmente ci aspettavamo qualcosa di più, soprattutto se comparato con altri speaker come Sonos One (che ha un suono più “caldo”) o Sonos Move. La resa sonora risulta complessivamente migliore di Apple HomePod.

L’assenza di subwoofer si fa sentire alle orecchie degli audiofili più esigenti. Per chi non desidera rinunciarci, può comunque associare l’Echo Studio all’Echo Sub. Anche l’associazione stereo di due Echo Studio è possibile. 

In ogni caso, tanto dipende anche da dove si ripone lo speaker: per garantire profondità, sarà meglio evitare superfici in pietra o marmo e prediligere quelle in legno. 

In questo senso, è interessante la capacità del dispositivo di capire, attraverso i microfoni integrati, la posizione in cui si trova nella stanza ed adattare di conseguenza il suono (come in Apple HomePod o Google Home Max). 

Ritorna al menu ↑

Equalizzatore e spazialità stereo

Nell’app è possibile personalizzare le impostazioni dell’equalizzatore e attivare l’opzione miglioramento spazialità stereo per “imitare” un audio 3D. Tuttavia, questa funzionalità, già attivata di default, non sembra dare una marcia in più alla resa audio; anzi, il suono sembra essere meno “pulito” e più ovattato. 

equalizzatore spazialità echo studio

Ritorna al menu ↑

Audio 3D e servizi compatibili 

Echo Studio supporta i nuovi formati audio 3D Dolby Atmos Music e 360 Reality Audio di Sony. Come il Dolby Atmos per il cinema, questi formati aggiungono spazialità al suono che da stereo, appunto, diventerebbe tridimensionale. Nonostante si tratti di formati non ancora diffusi, ed al momento il suporto ad essi è una funzionalità di Echo Studio poco rilevante, presto l’audio 3D potrebbe far parlare di sé.

La stessa Amazon punta molto sulla musica definita HD, ovvero l’audio in alta risoluzione, senza perdita di qualità. Sempre più servizi di streaming musicale stanno mettendo a disposizione brani in HD e da poco è stato lanciato Amazon Music HD negli USA, UK, Germania e Giappone. In questo contesto, Amazon Studio promette, appunto, di supportare la musica HD (16 bit e 44,1 kHz) e ultra HD (24 bit e 192 kHz).

La compatibilità con i vari servizi di streaming musicale è piuttosto ampia: tra i più importanti troviamo ovviamente Amazon Music, affiancata da Apple Music, Spotify, Deezer, Tunein e Tidal. 

echo-studio-alexa

 

Ritorna al menu ↑

Home Theater: come associare Echo Stereo a Fire TV Stick 4K

Echo Studio può diventare un vero e proprio sistema Home Theater (supporto Dolby Atmos) se associato a un Fire TV Stick 4K. Al momento, questo è l’unico dispositivo compatibile, nè la versione precedente (il Basic) nè la versione non 4K supportano l’associazione Home Theater.

Basterà, nell’app Alexa, seguire questi passaggi:

  • premere il simbolo + nella sezione Dispositivi
  • Selezionare Configura il sistema audio e poi scegliere Home Theater
  • Selezionare il Fire TV Stick 4K e fino a due Echo Studio (o gli altri supportati) più un Echo Sub, se lo si possiede.

In termini di performance, anche utilizzando un solo Studio senza subwoofer, la spazialità aggiunta al suono è notevole con una resa sicuramente superiore agli altoparlanti integrati nella maggior parte dei TV oltre che ad alcune soundbar dedicate e più costose.

Ovviamente, si potrà utilizzare il setup Home Theather solo con i contenuti supportati (qualsiasi altro contenuto non compatibile e non presente su Fire TV Stick 4K sarà riprodotto con le casse integrate della TV). 

Ritorna al menu ↑

Echo Studio prezzo

Echo Studio è disponibile in Italia dal 7 novembre 2019 al prezzo di 199,99€ a questo link.

Considerando che l’Echo Plus, dotato di connettività Zigbee costa 149,99€ e che un dispositivo comparabile come Sonos One costa circa 230€ (l’audio è in realtà leggermente migliore ma ha meno funzionalità Alexa rispetto a Echo Studio), possiamo ritenere che si tratta di un prezzo vantaggioso. 

D’altronde è uno degli smart speaker più completi sul mercato (discorso a parte per gli smart display come Amazon Echo Show, che rispondono ad esigenze diverse).

Ritorna al menu ↑

Come configurare Echo Studio: istruzioni

Come con il resto degli altoparlanti Amazon, la configurazione è di tipo plug & play, ancora più immediata se si possiedono già altri dispositivi Alexa. In questo caso, basta collegare all’alimentazione l’Echo Studio ed aprire l’app per avviare la configurazione automatica, che avviene nel giro di un minuto.

Se è il tuo primo speaker Alexa, basta accendere lo Studio, scaricare l’app per iOS o Android, e seguire le istruzioni nell’app, aggiungendo il dispositivo nella sezione dispositivi

Durante la prima configurazione, ti verrà chiesto di personalizzare le varie impostazioni e lo stesso dispositivo emetterà dei suoni per calibrare la resa audio in base alla posizione nella stanza.

Ritorna al menu ↑

Recensione Echo Studio: verdetto

Amazon Echo Studio presenta interessanti caratteristiche e funzionalità ad un prezzo più che competitivo. Non è solo l’Echo con la migliore qualità audo, ma uno dei smart speaker con la migliore qualità audio in assoluto. Versatile e completo, anche grazie all’hub Zigbee.

Scelta ideale per chi desidera un altoparlante intelligente (se cerchi solamente una cassa Bluetooth senza funzionalità smart, forse è meglio guardare altrove) che suoni bene e che verrà spesso utilizzato per la domotica. Consigliato, ovviamente, per chi è integrato nell’ecosistema Alexa, piuttosto che Google. 

  • Prodotto
  • Caratteristiche
  • Foto

Ti presentiamo Echo Studio - Altoparlante intelligente con audio Hi-Fi e Alexa

Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento: 16/11/2019 17:04

 

Linea Echo

Se non hai ancora deciso quale smart speaker acquistare, leggi le nostre recensioni dedicate agli altri prodotti della linea Echo:

 

 

Imprenditore digitale, appassionato di tecnologia, di tutto ciò che è smart, ma non solo. Amante della natura, divoro libri e viaggio appena posso.

Compara articoli
  • Total (0)
Compare
0