Come risparmiare sul gas: trucchi e consigli

Questi trucchi e consigli ti aiuteranno a capire come risparmiare sul gas e sono utili sia che tu abbia un impianto autonomo sia che tu abbia un impianto centralizzato. Parleremo infatti di ogni forma di utilizzo di questa risorsa in ambito domestico.

In base alla tipologia di impianto, come saprai, il gas in casa si può utilizzare per il riscaldamento, per l’acqua calda ad uso sanitario e/o ad uso cucina ed è importante sapere cosa fare e come comportarsi per evitare di pagare bollette del gas troppo alte.

Prima di capire come ottenere un consistente risparmio sul gas, però, vediamo quali sono i fattori che maggiormente incidono sulla bolletta, in maniera tale da iniziare a capire dove e su quali aspetti potrai agire per abbassarla.

Bolletta gas altissima: quali potrebbero essere le cause?

Dati gli aumenti imposti della materia prima, sono molte le famiglie che temono di ricevere una bolletta del gas altissima. Ma quali potrebbero essere le cause, oltre al rincaro sul quale però non ci è possibile intervenire?

I principali fattori che incidono sulla bolletta del gas sono:

  • la zona geografica: il clima del territorio in cui si risiede impatta inevitabilmente sul consumo annuo di gas (non a caso, nel nord Italia la spesa per famiglia è di sei volte superiore rispetto al sud Italia, dove il clima è decisamente più mite);
  • la superficie dell’abitazione;
  • le caratteristiche dell’impianto e l’efficienza degli apparecchi ad esso collegati: oltre alla scelta dell’impianto (che dovrebbe essere il più adatto per la zona in cui si vive), anche i dispositivi tecnologici fanno la differenza sui consumi e – alcuni più di altri – consentono di ottenere un consistente risparmio sul gas;
  • l’isolamento termico dell’abitazione: è un fattore importante perché consente di mantenere più facilmente la temperatura indoor evitando dispersioni di calore;
  • le abitudini: con piccoli accorgimenti nei comportamenti quotidiani si ottengono grandi risultati, si riducono gli sprechi e, di conseguenza, si abbassano i costi del gas.
Monitorare i consumi e modificare di conseguenza le proprie abitudini e comportamenti è il primo step per abbassare le bollette

Detto questo, vediamo come risparmiare sul gas ad uso riscaldamento, come risparmiare sul gas ad uso cucina e come risparmiare sul gas dell’acqua calda e ricorda: esistono numerosi incentivi statali a cui attingere per risparmiare in caso di intervento su impianti già esistenti o di realizzazione ex novo.

Come risparmiare sul gas ad uso riscaldamento

Per risparmiare sul gas ad uso riscaldamento, puoi controllare – e, se necessario, migliorare – le tue abitudini di consumo ma non solo: è necessario anche scegliere la tecnologia e in generali i prodotti più adatti per intervenire, modificare o ammodernare l’impianto esistente.

Tralasceremo gli interventi strutturali (come il rifacimento generale delle tubazioni), più impegnativi e costosi, per concentrarci sui trucchi e sui consigli più semplici da mettere in pratica ma comunque utili ad evitarti bollette del gas altissime. A tal riguardo, ti segnaliamo anche la nostra guida più dettagliata su come risparmiare sul riscaldamento.

Scegli (ed utilizza) bene la tua caldaia ed effettua la manutenzione periodica

Se vuoi risparmiare sul gas, prima di tutto ti consigliamo di essere puntuale con la manutenzione annuale della caldaia perché questa operazione, che deve essere svolta da un tecnico specializzato, ti permette di massimizzare l’efficienza complessiva dell’impianto di riscaldamento.

Per quanto riguarda il suo utilizzo, ti consigliamo di

  • impostare la temperatura corretta dell’acqua (sia per il riscaldamento che per l’acqua calda);
  • lasciare la caldaia sempre accesa durante la notte (il picco massimo di consumo è al momento dell’accensione) ma di spegnerla qualora avessi programmato di fermarti fuori casa per un periodo abbastanza lungo.

Inoltre, se la tua caldaia è particolarmente datata e se hai budget a sufficienza, ti consigliamo di sostituirla con un modello di caldaia a condensazione di ultima generazione: questo investimento ti consentirà di risparmiare tra il 15 e il 30% del consumo di gas complessivo.

Una caldaia a condensazione impiega meno combustile di una tradizionale per riscaldare l’ambiente

Come per la caldaia, anche per i termosifoni si consiglia la manutenzione annuale che normalmente viene effettuata ad apparecchi spenti.

Per quanto riguarda il loro utilizzo, ti consigliamo di impostare e mantenere una temperatura costante intorno ai 19°C – 20°C, evitando di accendere e spegnere frequentemente il termostato e ricordandoti che mediamente la differenza di 1 solo grado incide sulla bolletta per il 6%.

Risparmia sulla bolletta del gas con l’aiuto di un termostato smart

È innanzitutto essenziale avvalersi di un cronotermostato, ovvero un dispositivo in grado di rilevare la temperatura degli ambienti per poi regolare in autonomia il funzionamento dell’impianto di riscaldamento e che, a differenza del classico termostato (ormai datato), permette di programmare i termosifoni secondo le esigenze giornaliere e stagionali.

Il consiglio per ottenere un risparmio sulla bolletta del gas reale e consistente è quello di utilizzare un termostato intelligente (smart). Oltre alla classica funzione del cronotermostato, questo dispositivo, imprescindibile per la domotica e la smart home, è in grado di ottimizzare l’utilizzo della caldaia in base alle abitudini dell’utente o altri fattori esterni (come il meteo o umidità, se associati a servizi appositi o sensori connessi).

Con funzionalità come la gestione da remoto, la geolocalizzazione (che sfrutta il GPS dello smartphone per capire se l’utente è a casa o no), l’autoapprendimento, la modalità vacanza ed il monitoraggio dei consumi (proprio come accade per il misuratore di consumo elettrico), questi prodotti possono fare una reale differenza sul risparmio del gas. Per un approfondimento sull’argomento ti rimandiamo alla nostra guida acquisto ai migliori termostati WiFi.

In aggiunta, è bene considerare l’installazione delle valvole termostatiche: collocate su ogni calorifero, lavorano in modo indipendente (puoi gestire la temperatura in ogni singola stanza) e servono a raggiungere e a mantenere la temperatura desiderata regolando la quantità di acqua calda che entra all’interno del calorifero (diminuendo il consumo di combustibile). Anche in questo caso, esistono valvole termostatiche intelligenti che sono in grado di comunicare con il l’hub ed offrono gli stessi vantaggi del termostato smart (gestione e personalizzazione da app).

Infine, anche se hai installato prodotti domotici che ti permettono di risparmiare sul gas non dimenticare che non bisogna mai coprire i termosifoni e che gli ambienti devono essere correttamente areati.

Risparmia gas utilizzando una pompa di calore

Hai mai pensato di installare una pompa di calore per risparmiare sul gas? Si tratta di un dispositivo che richiede un investimento iniziale abbastanza elevato che, però, è ammortizzabile utilizzando gli incentivi statali.

La pompa di calore ricava il calore utilizzando l’energia rinnovabile che normalmente si disperde nell’ambiente e servendosi di un apporto di energia elettrica o di combustibili fossili minore rispetto a quello necessario per le caldaie tradizionali.

In base alla predisposizione dell’impianto, può servire per la produzione di acqua calda per uso sanitario, per il riscaldamento dell’abitazione e/o per la cottura di cibi.

Risparmiare gas in casa grazie all’isolamento termico

L’isolamento termico è un fattore da non trascurare da chi, come te, vuole sapere come risparmiare sul gas.

Infatti, sostituire gli infissi datati con soluzioni di ultima generazione e ricorrere al cappotto termico sono strategie da adottare per ridurre la dispersione del calore e gli spifferi oltre che per migliorare il comfort abitativo.

Riduci in consumi in bolletta con un impianto fotovoltaico o impianto solare termico

L’impianto fotovoltaico e l’impianto solare termico sono due valide soluzioni che permettono di risparmiare sul gas sfruttando i raggi solari: vediamo quali sono le differenze.

L’impianto fotovoltaico è uno dei più importanti interventi per risparmiare energia elettrica in casa ed utilizza i raggi del sole per produrre l’energia elettrica necessaria a far funzionare i dispositivi e gli elettrodomestici che vanno a corrente come, ad esempio, la lavatrice, l’asciugatrice, il forno, il frigorifero. le luci e la caldaia (se elettrica). E se è presente anche un sistema di accumulo, l’utilizzo delle corrente non è limitato alle ore di maggiore irraggiamento ma si estende alla sera e alla notte.

impianto fotovoltaico per risparmiare sulle bollette del gas
L’impianto fotovoltaico è una delle principali misure per abbattere i consumi e garantire sia il risparmio di luce e gas

Di contro, l’impianto solare termico accumula il calore emesso dai raggi del sole per trasformarlo in energia termica. Non produce, quindi, energia elettrica ma riscalda l’acqua che viene utilizzata all’interno dell’abitazione all’interno dell’impianto di riscaldamento e per l’uso sanitario.

Come risparmiare sul gas ad uso cucina

Se non possiedi un piano cottura a induzione e/o un forno elettrico, il gas ti serve anche in cucina per preparare pietanze e alimenti. E se le tue abitudini non sono virtuose, il rischio di ricevere bollette del gas altissime aumenta.

Eccoti, quindi, alcuni consigli per risparmiare sul gas ad uso cucina:

  1. scegli le pentole da utilizzare in base alle dimensioni dei fornelli: se utilizzi padelle piccole su fuochi grandi generi inevitabilmente uno spreco di calore e, di contro, se utilizzi padelle grandi su fuochi piccoli generi un consumo eccessivo perché per raggiungere la temperatura giusta ti serve più calore;
  2. utilizza pentole, padelle e strumenti in acciaio che ti assicurano un’ottimale trasmissione e distribuzione del calore;
  3. cerca di ridurre i tempi di cottura, utilizzando la pentola a pressione o elettrodomestici più efficienti e di ultima generazione come il forno a microonde, ad esempio. Inoltre, anche utilizzare il coperchio ti aiuterà a cuocere le pietanze in meno tempo e a evitare inutili dispersioni di calore;
  4. sostituisci il piano cottura a gas con un piano cottura ad induzione, perché il piano cottura elettrico scalda molto più velocemente rispetto al piano cottura tradizionale a gas con il fuoco;
piano cottura a induzione risparmio gas
I piani cottura a induzione scaldano più velocemente dei fornelli a gas e permettono di ridurre i consumi
  1. se devi far bollire dell’acqua, non riempire la pentola più del necessario e non utilizzare acqua troppo fredda;
  2. prima di riscaldare gli alimenti, toglili dal frigo e aspetta che le pietanze diventino a temperatura ambiente;
  3. spegni il forno in anticipo rispetto ai tempi previsti: il cibo continua a cuocere grazie al calore presente all’interno della camera di cottura ed è una buona abitudine che ti aiuta a risparmiare gas in cucina.

Come risparmiare sul gas dell’acqua calda

Bisognerebbe adottare tutte quelle buone abitudini che portano a non sprecare acqua e, nello specifico, per risparmiare sul gas è fondamentale imparare a limitare il consumo di acqua calda e a utilizzare correttamente gli apparecchi ad essa collegati. Ecco alcuni consigli:

  • impostare la temperatura della caldaia, che utilizzi per riscaldare l’acqua per cucinare e ad uso sanitario, intorno ai 40°C – 45°C (è più che sufficiente);
  • evitare di sciacquare i piatti prima di metterli in lavastoviglie (e soprattutto utilizzarne una): esistono elettrodomestici molto potenti in grado di sgrassare e di igienizzare anche a bassa temperatura;
  • non lavare a mano i capi di abbigliamento: come nel caso della lavastoviglie, le lavatrici di ultima generazione igienizzano a basse temperature e sono adatte anche per gli indumenti delicati;
  • aprire i rubinetti ad un flusso moderato e solo quando servono realmente, sia in cucina che in bagno;
  • installare soffioni e regolatori di flusso o utilizzare rubinetti smart dotati di sensori di movimento;
ridurre consumo gas acqua calda
L’utilizzo di un rubinetto smart può aiutare a ridurre il consumo di acqua calda (e quindi gas), riducendo gli sprechi
  • sostituire la caldaia a gas, lo scalda acqua o il boiler se datati, prediligendo una soluzione di ultima generazione (come la caldaia a condensazione);
  • optare per un impianto fotovoltaico o per un impianto solare termico, servendoti degli incentivi statali per ammortizzare l’investimento. Consulta il sito ufficiale del ministero della transizione ecologica per maggiori info.

Serena Zorzi

Copywriter di professione, ho iniziato ad appassionarmi di tecnologia nel momento in cui ho capito che mi può semplificare la vita. Due cose che amo? I gatti e viaggiare.

Smartdomotica
Logo