HDMI vs Display port: qual è il cavo video migliore?

Con questa guida desideriamo aiutarti a comprendere meglio quale sia il cavo video migliore tra HDMI vs Display port. Sebbene queste due tipologie di cavi abbiano la stessa funzione, ovvero quella di trasmettere segnali audio-video, le differenze tra HDMI vs DisplayPort non sono poche.

Per scegliere tra Display port vs HDMI la principale domanda che dovrai porti è quali dispositivi desideri collegare tra loro. Vedremo, infatti, come la più importante differenza tra queste due tecnologie è proprio legata al loro ambito di applicazione. Mentre HDMI è una tecnologia più consumer, quindi legata perlopiù al mondo dell’intrattenimento, Display port è maggiormente utilizzata in ambito grafico e professionale.

Ma andiamo per ordine e vediamo insieme, nel dettaglio, caratteristiche, differenze, pro e contro di queste diverse tipologie di cavi video.

HDMI: interfaccia multimediale ad alta definizione

La porta di connessione HDMI nasce nel 2002, dall’esigenza di accorpare il segnale audio al segnale video in un unico cavo. Prima dell’introduzione di questa porta infatti, esistevano cavi per la trasmissione video (come VGA e DVI ad esempio) che non avevano la capacità di trasmettere anche l’audio, il quale necessitava di un cavo dedicato.

display port o hdmi
Attacchi HDMI

La principale caratteristica che contraddistingue HDMI vs Display Port è l’implementazione su questa tipologia di cavi della funzionalità CEC, acronimo di Consumer Electronics Control. I cavi HDMI, infatti, consentono all’utilizzatore di comandare il dispositivo collegato (ad esempio un lettore blue ray) utilizzando il telecomando del TV.

Questo perché i cavi HDMI sono nati per rispondere alle esigenze del mercato consumer, quindi per connettere TV a dispositivi di intrattenimento video come lettori Blue-Ray, console di gioco, lettori DVD, etc…

Quanti tipi di HDMI esistono?

I cavi HDMI si classificano per tipologia di connettore, tipologia di cavo e versione.

Tipologie di connettori HDMI

I cavi HDMI si distinguono in 3 tipologie di connettori diversi:

  • HDMI tipo A: è’ costituita da 19 pin e misura 13,9 x 4,45 mm. Rappresenta lo standard più diffuso su TV, console, lettori DVD e blue ray;
  • HDMI tipo C o mini-HDMI: è circa 2 volte e mezzo più piccola di una porta HDMI tipo A ed è stata sviluppata al fine di introdurla sugli apparecchi portatili per la registrazione e riproduzione audio-video, come ad esempio videocamere, fotocamere e monitor portatili;
mini hdmi
Mini HDMI
  • HDMI tipo D o micro-HDMI: è grande appena la metà di un connettore HDMI tipo C e assomiglia molto a un connettore micro USB. Si tratta di un evoluzione in termini di dimensioni ridotte della mini-HDMI. Oggi è molto diffusa ad esempio sulle action cam o comunque sui dispositivi per la registrazione audio-video di piccole dimensioni.
Micro HDMI
Micro HDMI

Classificazione dei cavi HDMI

A partire dalla versione 1.4, per semplificare la classificazione dei cavi HDMI sulla base della modalità d’uso, sono state introdotte le seguenti classificazioni:

  • HDMI Standard: si tratta di cavi HDMI con banda limitata, capaci di trasmettere segnali video a un massimo di 1080p. Sono ormai quasi totalmente in disuso considerati i loro limiti e la differenza di prezzo minima con cavi HDMI più prestanti;
  • HDMI Standard with Ethernet: sono cavi Standard HDMI capaci di trasportare anche il segnale di rete;
  • HDMI standard Automotive: questa tipologia di cavi HDMI è appositamente studiata per essere utilizzata in ambito audio-video sulle automobili;
  • HDMI High Speed: si tratta dei cavi HDMI più diffusi in commercio oggi. Sono capaci di trasmettere segnali con risoluzione Full HD o superiore (versioni HDMI 1.4 e successive);
  • HDMI High Speed with Ethernet: come dice la parola stessa, si tratta di High Speed HDMI capaci di trasmettere anche un segnale di rete.

Versioni e specifiche dei cavi HDMI

In questa guida ci concentreremo sulle versioni di HDMI introdotte dopo il 2009, quindi successiva alla v. 1.3. Questo perché ad oggi acquistare un cavo HDMI antecedente alla versione 1.4 non ha più davvero senso: il prezzo di questi cavi è davvero molto basso e le prestazioni offerte a partire da questa versione in poi sono notevoli.

  • HDMI 1.4: consente la trasmissione di contenuti video con risoluzione massima 3840×2160 px (4K) e audio fino a 8 canali. E’ inoltre dotato di canale di ritorno per l’audio che consente di collegare un dispositivo esterno per la riproduzione audio come ad esempio una soundbar. I cavi HDMI versione 1.4a e successivi consentono anche la trasmissione di video 3D;
  • HDMI 2.0: rispetto alla precedente versione, questi cavi raggiungono la risoluzione massima di 4K con una frequenza di aggiornamento del frame raddoppiata a 60 Hz. Inoltre la larghezza di banda consentita è di 18 Gbps, il che migliora notevolmente la gestione di due monitor collegati alla stessa porta di uscita video. I canali audio su questa versione passano da 8 a 32;
  • HDMI 2.1: si tratta della versione più recente e raggiunge una risoluzione massima di 4K a 120 Hz o 8K a 60 Hz. La larghezza di banda raggiunge i 48 Gbps, che consentono comodamente il collegamento di due monitor 4K.

Display Port: il cavo video PC più prestazionale

Per quanto HDMI sia un metodo di connessione audio-video più noto e diffuso, Display Port è da sempre il più utilizzato in ambito grafico e informatico. Questo perché i cavi Display Port raggiungono potenzialità grafiche superiori, sia in termini di risoluzione che di larghezza di banda, con il conseguente vantaggio di poter coprire distanze più lunghe e consentire il collegamento simultaneo fino a 4 monitor.

displayport
Display Port

Versioni e specifiche dei cavi Display Port

I cavi DisplayPort in commercio si classificano in base alla versione. In questo articolo ti mostreremo le caratteristiche tecniche delle versioni acquistabili, ovvero dalle Display Port 1.2 e versioni successive:

  • Display Port 1.2: introdotta nel 2008, questa versione consente la trasmissione di video 3D, il collegamento a cascata di più monitor (fino a 4) e la risoluzione video massima è 4K a 60 Hz. La larghezza di banda di questi cavi è di 17,28 Gbps;
  • DisplayPort 1.3: rispetto alla precedente versione, la massima risoluzione video è migliorata ad 8K a 30 Hz o 4K a 120 Hz. La vera rivoluzione è nella larghezza di banda raddoppiata a 32,4 Gbps, che consente il collegamento di più monitor con una resa grafica nettamente migliore;
  • Display Port 1.4: le caratteristiche sono le stesse della versione 1.3, con una miglioria riguardante il frame rate a 8K, elevato a 60 Hz;
  • DisplayPort 2.0: si tratta della versione più recente e prestazionale. Supporta video fino a 7680×4320 pixel (8K) con una frequenza massima di aggiornamento dei frame di 120 Hz. La larghezza di banda è ampliata a 80 Gbps.

Tipologie di connettori DisplayPort

Diversamente da HDMI, che è disponibile in 3 connettori diversi, DisplayPort ha unicamente due tipologie: standard e mini.

Le differenze tra DisplayPort e Mini DisplayPort riguardano unicamente le misure del connettore, ridotte di oltre il 70% per la versione mini, comunemente utilizzata su PC Mac e Apple.

DisplayPort vs HDMI: differenze, pro e contro

Le principali differenze tra DisplayPort e HDMI sono 4:

  • Lunghezza massima del cavo
  • Numero di monitor collegabili in cascata
  • Gestione audio
  • Ambito di utilizzo.

Meglio cavo DisplayPort o HDMI per collegare dispositivi distanti?

Una caratteristica che fa la differenza tra Display Port e HDMI è la larghezza di banda massima consentita. I cavi DisplayPort hanno una larghezza di banda maggiore rispetto ai cavi HDMI e questo consente di collegare efficacemente dispositivi per la riproduzione audio-video su distanze maggiori.

Volendo dare un valore a questa distanza massima, possiamo dire che con un cavo HDMI 2.0 è possibile raggiungere i 2 metri di distanza, elevabili a 3 metri con la versione HDMI 2.1. Con cavo DisplayPort invece, è possibile raggiungere i 4 metri con le versioni 1.4 e 1.3, mentre con versione 2.0 si può arrivare anche a 5 metri di distanza.

Per connettere dispositivi a distanze superiori da quelle sopraindicate, senza perdita di risoluzione video, sarà necessario installare un ripetitore. Sono facilmente reperibili in commercio anche se, nel caso di Display Port, possono raggiungere prezzi elevati.

In sintesi, per collegare dispositivi distanti è meglio utilizzare DisplayPort e non HDMI.

Collegare più monitor al PC: meglio un cavo video PC HDMI o DisplayPort?

Anche in questo caso, trovandoci in ambito informatico, è DisplayPort a vincere con ben 4 monitor collegabili in cascata alla stessa uscita video PC. HDMI consente comunque il collegamento di 2 monitor simultaneamente.

In termini di resa grafica però, HDMI risulterà meno prestazionale nella gestione di più monitor, a differenza di Display Port che, essendo progettata per questo scopo, viene normalmente preferita in ambito professionale da grafici, modellatori 3D, gamers professionali, etc…

HDMI vs Display Port: qual è la porta con l’audio migliore?

La resa audio delle due differenti tecnologie è praticamente equivalente. A fare la differenza, in questo caso, è la presenza su HDMI di un canale di ritorno audio, che consente il collegamento di un dispositivo di riproduzione audio esterno come ad esempio una soundbar o Home Theatre.

HDMI è quindi migliore in termini audio. Trattandosi di una porta pensata per la riproduzione audio-video consumer c’era da aspettarselo.

Meglio DisplayPort o HDMI per collegare il monitor al PC?

Abbiamo visto come DisplayPort sia preferibile come cavo monitor PC perché ha prestazioni migliori in termini grafici rispetto HDMI. In ambito informatico, infatti, tutti i dispositivi che necessitano un flusso dei dati grafici stabile prevedono l’uso della porta DisplayPort. Basti pensare a Mac e dispositivi Apple che hanno preferito questa porta, considerata la grande diffusione di questi PC tra i professionisti in ambito grafico.

Ad esempio, i visori per realtà virtuale utilizzano quasi esclusivamente Display Port per il collegamento al PC. Se questi dispositivi ti incuriosiscono, potresti dare un’occhiata alla nostra recentissima guida all’acquisto dei migliori visori VR del 2022.

HDMI vs Display Port: collegare la TV a PC, console o lettore DVD

In ambito consumer, invece, è HDMI a vincere la nostra comparativa. Questo principalmente per due motivi: la scarsità di TV in commercio dotate di Display Port e le potenzialità di HDMI in questo ambito.

HDMI, infatti, è dotata di tecnologia CEC, che consente di gestire con il telecomando del TV anche i dispositivi collegati mediante cavo HDMI. Ma non solo, la presenza di un canale audio di ritorno permette il collegamento di una sound bar o di un sistema home theatre passante sul TV stesso.

Considerato poi che solitamente i dispositivi collegati alla TV sono sempre posizionati vicini, la distanza non è un problema. HDMI arriva efficacemente a 3 mt nella sua versione 2.1, più che sufficienti per la costruzione di un sistema audio-video domestico.

Se vuoi approfondire l’argomento, scoprendo come collegare efficacemente la TV a diversi dispositivi, ti consigliamo la lettura delle nostre guide dedicate:

Maxonar Cavo DisplayPort 8K Cavo 3M/10FT DP 8K @ 60Hz DP1.4 HBR3 4K@...
Amazon Basics - Cavo Ultra HD HDMI 2.0 ad alta velocità, formati 3D...
Tecnologia
Display Port
HDMI
Lunghezza cavo
Fino a 5 metri (DisplayPort 2.0)
Fino a 3 metri (HDMI 2.1)
Audio
Non prevede il collegamento con periferiche audio esterne
Permette il collegamento di un sistema audio esterno
Numero di monitor max
4
2
Ambito di utilizzo
Professionale, grafica, gaming
Consumer, intrattenimento audio-video
Maxonar Cavo DisplayPort 8K Cavo 3M/10FT DP 8K @ 60Hz DP1.4 HBR3 4K@...
Tecnologia
Display Port
Lunghezza cavo
Fino a 5 metri (DisplayPort 2.0)
Audio
Non prevede il collegamento con periferiche audio esterne
Numero di monitor max
4
Ambito di utilizzo
Professionale, grafica, gaming
Amazon Basics - Cavo Ultra HD HDMI 2.0 ad alta velocità, formati 3D...
Tecnologia
HDMI
Lunghezza cavo
Fino a 3 metri (HDMI 2.1)
Audio
Permette il collegamento di un sistema audio esterno
Numero di monitor max
2
Ambito di utilizzo
Consumer, intrattenimento audio-video

USB-C Thunderbolt 3 e 4: il futuro dei cavi video PC

Con l’uscita sul mercato di Thunderbolt è avvenuta una vera rivoluzione per la connessione video dei PC (ti rimandiamo a questo interessante articolo per saperne di più). . Questa porta, infatti, consente di gestire molti dispositivi contemporaneamente, inclusa la possibilità di collegare uno o più monitor utilizzandola.

Ormai diffusissima su laptop e PC portatili di ultima generazione, sostituirà certamente sul lungo periodo la tecnologia HDMI. Non possiamo affermare lo stesso per la tecnologia DisplayPort, che difficilmente verrà sostituita in ambito grafico professionale date le sue elevatissime prestazioni.

Con una porta Thunderbolt 3 o 4 è possibile, infatti, collegare a cascata fino a 6 dispositivi come schede grafiche esterne, hard disk esterni, etc… utilizzando una semplice docking. Consente, inoltre, la gestione di 2 monitor 4K simultaneamente.

[amazon bestseller=”usb-c thunderbolt” items=”5″ template=”table”

Dai anche un’occhiata alle guide qui sotto:
– migliori ultrabook
migliori PC da gaming
migliori tablet

Cristina Ligorio

Appassionata di tecnologia e viaggi, SEO specialist per professione. Ho un carattere calmo, pragmatico e ottimista... ma non fatevi ingannare dalle apparenze, sono un’avventuriera nata! La mia ultima avventura? Diventare nomade digitale e lavorare in giro per il mondo.

Smartdomotica
Logo