Omate X Nash: il primo smartwatch per bambini con SIM virtuale

In un mondo ormai dominato dagli wearable, ovvero i dispositivi indossabili, sempre più aziende diversificano la propria offerta con soluzioni ad hoc. E’ il caso di Omate, brand specializzato in smartwatch per bambini e per anziani con funzionalità assistenziali, diventato famoso qualche anno fa grazie a diversi progetti di crowdfunding.

In realtà si tratta di un mercato ben diverso rispetto a quello degli sportwatch o degli smartwatch intesi come gadget tecnologici; piuttosto, quelli di Omate sono dispositivi pensati per proteggere chi ne ha bisogno. 

Al CES 2020, tenutosi a Las Vegas lo scorso gennaio, è stato presentato il nuovo smartwatch per bambini (da 5 anni in su): Omate X Nash. Si tratta del primo smartwatch con una SIM virtuale (quindi, non fisica) con una connessione 4G costante, permessa dalla collaborazione con l’operatore Skyroam

Tramite un abbonamento prepagato triennale, i bambini avranno a disposizione messaggi e videochiamate illimitate, grazie alla videocamera integrata da 2MP e al microfono con riduzione del rumore, e un servizio di localizzazione continuo, grazie al modulo GPS.

In quanto a sicurezza, i servizi saranno criptati e lo smartwatch garantirà il massimo della sicurezza, non prevedendo, per esempio l’accesso a social media e simili. 

omate x-nash

Dotato di un accelerometro ed un sensore di prossimità, lo smartwatch presenta un design abbastanza semplice e leggero, con un display touch da 1,3″ ed un apposito pulsante SOS. Inoltre, è resistente all’acqua (classe IP67). 

L’orologio smart sarà disponibile, nei colori viola o nero, a partire da questo mese su Amazon US al prezzo base di 179$, mentre il modello europeo dovrebbe arrivare nella seconda metà del 2020. Non si hanno informazioni specifiche su come funzionerà, se e quando sarà disponibile nel nostro Paese. 

Imprenditore digitale, appassionato di tecnologia, di tutto ciò che è smart, ma non solo. Amante della natura, divoro libri e viaggio appena posso.

COSA NE PENSI?

Lascia un commento